Dov'è la famiglia?


Dov'è la famiglia?

 

Con introduzione e a cura di Massimiliano Finazzer Flory

 

Interventi di: Piero Coda, Emanuele Severino

Edizioni San Paolo

Di solito si intende per famiglia un legame sociale che gravita intorno alla procreazione.
L’interpretazione antropologica però non è sufficiente: la famiglia merita di essere affrontata a partire dalla sua dimensione meta-storica.
E' quanto hanno tentato di fare il filosofo Emanuele Severino e il teologo Piero Coda. Sul presupposto che la coppia eterosessuale con figli rimane ancora, contro ogni retorica, un punto di riferimento imprescindibile, si discute la convinzione che la famiglia rappresenti le modalità con le quali l’umanità si organizza a partire da una categoria: l’amore.

Le Parole di Paolo


Le Parole di Paolo

Con introduzione e a cura di Massimiliano Finazzer Flory

Interventi di: Raimon Panikkar e Gianfranco Ravasi

Edizioni San Paolo


Ascoltando alcuni tra i più noti testi di Paolo sul tema dell’amore, i due autori reagiscono presentando in modo vivace le dinamiche del pensiero
occidentale e di quello orientale, muovendosi poi nel dibattito verso una
sintesi affascinante che cattura il lettore. Ravasi pone in modo originale il
tema dell’amore e del dolore, della crisi e della fede; Panikkar, fedele al
proprio personalissimo percorso interiore, presenta la visione orientale come totalizzante e cosmica. In particolare, spicca il commento all’Inno alla Carità di 1 Corinzi 13: “ Se anche parlo le lingue degli uomini e degli angeli, ma non ho la carità, sono un bronzo sonante o un cembalo squillante”.

 

Dove Fede e Ragione si incontrano?

Dove Fede e Ragione si incontrano?

Con introduzione e a cura di Massimiliano Finazzer Flory

 

Con interventi di: Bruno Forte, Giulio Giorello

 

Edizioni San Paolo
 

 

Fede e ragione: il conflitto torna a riesplodere? Il teologo più autorevole oggi vescovo, e il filosofo più critico verso le posizioni della Chiesa, rispondono.
Incalzati dalle domande di Massimiliano Finazzer Flory, come in un vero dialogo aperto, Bruno Forte, teologo di fama internazionale, e Giulio Giorello, filosofo della scienza e matematico, solcano il mare aperto della ricerca, tra gli scogli del pregiudizio e dell’ideologia, in una storica contrapposizione tra due vie umane. Parlare oggi di fede e ragione vuol dire estendere i confini delle discipline e interrogarsi in maniera radicale, senza escludere i dubbi o i dilemmi, talora tragici, che hanno segnato la nostra storia più recente.

  • Un libro ricco, acceso e diretto
  • Due protagonisti indiscussi nel loro proprio ambito
Un esito scritto potente ed efficace, che lascia un segno deciso nel lettore.

Agostino e la scrittura dell'interiorità

Agostino e la scrittura dell'interiorità

Con introduzione e a cura di Massimiliano Finazzer Flory

Interventi di: Giovanni Reale, Carlo Sini

Edizioni San Paolo


Questo è il punto veramente discriminante che lo pone a una distanza rilevantissima dal mondo antico e lo colloca come inizio del mondo moderno: la ricerca nell’interiorità dell’infinito” Carlo Sini

“La concezione dell’anima, così come viene affrontata da Agostino, rappresenta una vera rivoluzione” Giovanni Reale

Da dove nasce il pensiero occidentale? In quale momento avviene il superamento della filosofia greca da parte dei filosofi dell’occidente? Dove stanno le radici della nostra civiltà e cultura? Carlo Sini e Giovanni Reale si confrontano sul pensiero e l’eredità di uno dei più grandi pensatori di tutti i tempi, Agostino di Ippona, sepolto presso la Basilica di S. Pietro in Ciel D’Oro, a Pavia. Al centro del dibattito, vivace e di grande interesse, la scoperta dell’interiorità che Agostino, filosofo e teologo insuperabile, porta al cuore del problema di Dio e del mondo, del tempo, della fede e della ragione. Da qui l’innovazione del linguaggio e i primi fondamenti della psicologia.

 

Cittàteatro - La città a venire

Cittàteatro
La città a venire

di Massimiliano Finazzer Flory

Moretti & Vitali
 

Ogni città è un mondo possibile. Perché la città nasce dal caos e dalla necessità. È figlia dell’anarchia e patria del disegno.
È un ordine spontaneo, eppure nasconde un piano. Certo, le città possono essere diverse per viabilità e visibilità. Ma tutte sono belle. E tutte sono ricche. Se i nostri occhi lo sono. Se accettano qualcos’altro nel loro mondo. Le città non sono solo polis e polemos, ma anche pathos. Perché mettono in scena Sofocle e Beckett, Aristofane e Pirandello, rumori e silenzi, dissonanze e drammaturgie, tragedie e commedie, cori e monologhi. Soprattutto contraddizioni.
Si chiede alla città di crescere e moltiplicarsi, assumere le sembianze di un gabbiano che vola lontano, offrire figure alle utopie, essere il segno di una volontà di cambiamento, adottare canoni estetici in grado di accogliere la tensione e la passione dell’uomo che ama la sfida del cielo e si protende verso un differente orizzonte.


Presentazioni:

Verona
, lunedì 23 giugno ore 18.30
Libreria Gheduzzi, Corso Sant'Anastasia 7
con la partecipazione di Marina Salamon e Flavio Ermini

Palermo, venerdì 13 giugno ore 17
Libreria Kahlesa, Foro Umberto I

Milano
, martedì 27 maggio ore 18
Libreria Rizzoli, Galleria Vittorio Emanuele II

Torino
, sabato 10 maggio ore 16.30
Nel contesto della XXI Fiera Internazionale del Libro di Torino si terrà l'evento Dal museo alla città, in occasione della presentazione del libro CittàTeatro di Massimiliano Finazzer Flory e Il grande spazio di Yves Bonnefoy, entrambi editi da Moretti & Vitali.

Pagina 4 di 5