Il teatro dei più piccoli: i burattini nelle Ville Venete

C’è un teatro che potremmo definire minore, ma solo per le sue dimensioni, e non certo per il suo spessore culturale ed artistico, ed è il teatro dei burattini. Le marionette hanno un’origine molto antica, e chi è in grado di animarle per dare vita sul palco a storie e narrazioni oggi è in possesso di un’arte che rischiava di andare perduta, ma che per fortuna appare più viva che mai.

Anche i bambini di oggi infatti, per quanto sottoposti a molteplici stimoli che derivano dai dispositivi tecnologici che hanno a disposizione, restano affascinati, proprio come i loro coetanei di tanti anni fa, dai pupazzi che si muovono sulla scena e raccontano vicende sempre nuove, anche se sempre apparentemente uguali. Per rinverdire questa tradizione fortemente radicata nel territorio italiano, da nord a sud, quest’anno il Festival delle Ville Venete, che si è svolto da giugno a luglio 2015, si è voluto concludere tra agosto e settembre con un mini ciclo dedicato ai più piccoli e al teatro dei burattini. A dare vita alla prima delle rappresentazioni è stato chiamato un vero maestro in questo campo, ovvero Alberto de Bastiani. De Bastiani ha iniziato la sua carriera come attore, e negli anni Ottanta ha incontrato il teatro dei burattini, venendo folgorato da un vero e proprio colpo di fulmine. In quel periodo questa forma di narrazione era in profonda crisi per via dell’avvento della televisione: ma grazie a persone come Alberto, riuscì comunque a mantenersi viva e a riconquistare un suo spazio di tutto rispetto. Con il tempo de Bastiani ha sempre più perfezionato la sua arte, riuscendo ad affascinare grandi e piccoli con invenzioni come il Circo Tre Dita. Dal 2000 realizza e dirige il Festival internazionale Burattini & Marionette/Omaggio a Fausto Braga, che si svolge annualmente nel comune di Colle Umberto in provincia di Treviso. L’edizione 2015 ha luogo tra il 4 al 6 settembre. All’interno del Festival delle Ville Venete sono stati previsti tre appuntamenti. Il primo è domenica 31 agosto alle ore 16:30 a Villa Nani Loredan di Sant’Urbano, in provincia di Padova, e si tratta di “Il segreto di Arlecchino e Pulcinella”. Alberto de Bastiani farà muovere sul piccolo palco dei burattini due dei personaggi più noti e amati della commedia dell’arte, mescolando diverse influenze. Lo spettacolo viene preceduta da una sfilata di biciclette d’epoca. Si prosegue poi domenica 13 settembre, sempre alle ore 16:30, a Villa Camerini di Stienta in provincia di Rovigo. In questo caso l’appuntamento è con “L’acchiapparime”, spettacolo scritto e realizzato da Davide Bregola. In questa storia si immagina un adulto che viene chiamato dalla sua maestra a finire un compito lasciato a metà trent’anni prima. Tanti magici personaggi gli dovranno dare una mano in questo singolare salto all’indietro nel tempo. L’ultima rappresentazione c’è domenica 26 settembre, alle 16:30, a Villa Giusti Suman di Zugliano, in provincia di Vicenza. Il titolo è “Principessa Piccolina”, e racconta al storia di una principessa che viene isolata dagli altri, e considerata diversa dai suoi stessi genitori, perchè ama passare il tempo cantando melodie tristi. Ma troverà chi saprà apprezzarla. L’opera è tratta da un libro di Ulf Stark e sottolineata da pezzi di musica classica di Mozart e Schubert. Anche questo appuntamento è un’occasione unica di godere di un genere di teatro davvero speciale. Tutti gli spettacoli sono gratuiti.